Rizoartrosi trapezio-metacarpale

Rizoartrosi trapezio-metacarpale

Si tratta di una forma di osteoartrosi primaria (cioè che insorge anche senza pregressi micro o macro-traumi) molto diffusa, particolarmente dolorosa e invalidante. E’ un processo naturale che viene comunque accentuato e/o accelerato da attività “pesanti” (sport, lavoro) e traumi. L’articolazione trapeziometacarpale (tra trapezio e primo metacarpo) è particolarmente complessa e importante per il funzionamento fisiologico del pollice, del polso e della mano.

E’ situata alla base del pollice e la sua degenerazione progressiva causata da osteoartrosi e, più raramente da forme di artrite , causa deficit funzionali importanti e dolori spesso invalidanti.

Tipico il dolore localizzato alla “tabacchiera anatomica” cioè una zona del polso situata sul prolungamento dorsale del pollice (foto) che può irradiarsi a tutto il polso e al pollice stesso. Viene accentuato dai movimenti e dalla palpazione ma spesso è presente anche a riposo. In molti casi si nota una certa perdita di forza. Il trattamento conservativo (ortesico, fisioterapico e infiltrativo) non sempre porta a una remissione della sintomatologia. Nei casi che non ottengono miglioramenti con trattamenti conservativi è consigliabile procedere ad un trattamento chirurgico. La tecnica chirurgica che preferisco prevede una piccola incisione di pochi cm dorsale alla trapeziometacarpale.

incisione

Si esegue quindi l’asportazione del trapezio (trapeziectomia) o parte del trapezio (emitrapeziectomia) e si esegue un’artroplastica biologica (cioè utilizzando i tendini del paziente stesso presenti nel polso). Si stanno ottenendo risultati incoraggianti anche con la sola trapeziectomia. Esistono impianti protesici per la sostituzione della trapeziometacarpale che non utilizzo e non ritengo una valida alternativa all’artroplastica biologica. Dopo l’intervento immobilizzo il polso e il pollice con un tutore per 20 gg . In seguito 15/30 gg di trattamento fisioterapico (tecar, laser-terapia, magnetoterapia a domicilio per 5/6 ore al giorno per 30 gg. e soprattutto mobilizzazioni assistite del pollice e del polso).

Dopo circa 30/40 giorni dall’intervento si utilizza la mano in modo quasi completo.

Vuoi prenotare una visita o richiedere informazioni?

Prenota una visita o richiedi informazioni al Dott. Riccardo Scagni.

Altri approfondimenti

Le fratture del calcagno

Le fratture del calcagno

Le fratture del calcagno sono le più frequenti nel tarso (la parte posteriore del piede) e rappresentano circa il 20% di tutte le fratture del piede. Sono molto più frequenti (90%) nei maschi...

leggi tutto